lunedì 5 settembre 2011

il nostro "viaggio" teatrale ed espressivo ad Arterie 2011

Ieri sera la manifestazione si è conclusa con la pioggia. Una pioggia che ci ha lasciato un pò la sensazione di non aver concluso pienamente la nostra avventura. Ma è stato questo il nostro unico dispiacere. Per il resto il viaggio è stato impegnativo, gratificante, pieno. La manifestazione è coinvolgente, colorata, variegata. Nei vicoli di Cantalupo va in scena, per quattro sere, l'arte, la pittura, il teatro, la musica, la voglia di fare, vedere, condividere. Noi, io e Fabio, e con nostra grande gioia tanti componenti dell'officina GirasoliTeatro, abbiamo partecipato da venerdì, con gli spettacoli  e con il seminario sul Macbeth. E' stato bello in soli tre giorni di seminario riuscire a fare tanto e creare una performance finale molto vibrante (purtroppo bloccata dalla pioggia!). Ma è stato appassionante strutturarla, crearla (e la metteremo in scena a Teatro a Taglio Corto!). E' stato bello condividere il percorso didattico. E quello umano. Mangiare insieme, passeggiare, ballare la taranta, recitare, provare, bersi una birra, fare la fila per cenare, chiacchierare, ridere. Ringrazio tutti per esserci stati, con tanta energia e positività: Simona, Enrico, Cristiana, Alessio, Annamonica, Valeria, Monica, Chiara, Giovanni. "L'odore del pane" è stato emozionante..grazie! Aver visto il pubblico commuoversi è stato un segnale forte; bravi Cristiana, Alessio e Annamonica! Così come vedere Monica tenere (e tenere ancora, ancora, ancora..) tutto il monologo senza mai esitare è stata una grande prova! Io mi sono molto divertita in 35-40 insieme a Fabio e Simona..e sono felice della reazione del pubblico rispetto anche a temi così delicati come l'anoressia.. Insomma, sono un pò stanca ma sentivo davvero l'esigenza di scrivere queste poche parole..    - Helga -

Queste invece sono le emozioni di Annamonica: 
Grazie per aver fatto fermare il tempo in questi tre giorni....E' stato bello immergersi ed abbandonarsi al flusso magico dell' arte, che scorreva libero nelle stradine di Cantalupo. Ho sentito i nostri cuori battere all'unisono e le nostre emozioni intrecciarsi in una danza senza fine...ho sentito di far parte di una grande famiglia senza cognome, senza limiti....ognuno parte di un tutto vibrante e luminoso.
Grazie ai miei insegnanti, che hanno saputo condurci nel mondo di Macbeth con la loro grande professionalità, unica, perchè pregnante d'amore...
Un grazie ai miei compagni d'avventura...con i quali ho condiviso sorrisi, pensieri, stupore, propositi, abbracci, consigli, riflessioni, immagini, fantasia, sentimenti, giochi, danze...
Recitare il Macbeth, alla fine del percorso insieme, è stato semplicemente coinvolgente, come un tuffo in un mare di emozioni....  - Annamonica -

E queste le emozioni di Monica:
L'officina GirasoliTeatro è stata per tre giorni la mia famiglia! Ore intense di lavoro ma... trascorse in un soffio. La bambina che c'è in me si è risvegliata.. cercando di dominare quella enorme palla rosa dalla quale venivo puntualmente "disarcionata". Sono stata felicissima di aver condiviso questo viaggio con voi, con i miei simpaticissimi compagni d'avventura e soprattutto di averla condivisa con Giovanni... è stata un esperienza unica!

Venerdì sera, qualche istante prima di recitare il monologo per la prima volta, ho avuto una grandissima emozione, tutte queste persone che si erano disposte a muro, davanti a me, aspettando con curiosità cosa avrei detto.. cosa avrei fatto..ho pensato che forse non c'è l'avrei fatta.. ma poi.. scorgendo tra i visi quello rassicurante di Helga, ho preso coraggio e sono partita.. e dopo la terza esibizione
(proprio come mi aveva detto Fabio)..sono andata più sicura e ... fiera.
Cari Helga e Fabio ... Grazie! Grazie! e ancora... Grazie!
Monica.










Nessun commento:

Posta un commento