venerdì 17 febbraio 2017

Secondo incontro: Mondrian nel Magico Mondo della Matematica












Se mi chiedi: “Com’è andato il secondo incontro di Mondrian nel Magico Mondo della Matematica?” ti rispondo: Bene. Se poi continui a guardarmi aspettando altre spiegazioni, allora mi siedo ed inizio a raccontare.

Come sempre, da quando ho codificato la struttura del mio incontro, inizio con una magia. La magia di questa volta è la più difficile, perché è una questione di velocità e precisione e, spesso, velocità e precisione non vanno d’accordo. Quella di questa settimana non è una magia vera e propria, è più una questione di abilità: io a mente devo fare il calcolo di qualsiasi numero a due cifre moltiplicato x11, più velocemente di quanto i bambini impiegano a farlo con la calcolatrice: 11x48, 11x97, 11x ecc… Ho vinto!!! Un solo errore commesso. Perché la perfezione non piace a nessuno, ma soprattutto, perché mi sono proprio sbagliato!!!!
Mi sono spinto e ho rischiato un po’, perché questo è il gruppo più complesso che mi sia capitato da quando ho strutturato gli incontri di matematica creativa, soprattutto per le differenze d’età. Dovevo catturare la loro attenzione immediatamente e visibilmente stupirli. Obiettivo raggiunto.

Da lì, poi, si è aperto tutto un dibattito sull’11, il più piccoli dei numeri palindromi: “Wow! Che forza, è vero! Si può leggere da entrambe le parti!” “Si..come alcune parole..o nomi”  “Come Anna!” Il dibattito è ormai aperto! Alla ricerca di numeri e parole palindromi. Una bambina esclama entusiasta: “Yamamay è un palindromo!”

A mio avviso la matematica, soprattutto con i bambini di 6-7 anni, dovrebbe essere piena di storie, immagini, fiabe da raccontare e inventare, incontri fortuiti, magie, trasformazioni, gioco e dialogo. E così il nostro incontro è andato avanti e abbiamo nuovamente incontrato Mondrian, i suoi quadri, le sue composizioni, i suoi colori primari. E, seguendo un gioco matematico, lo abbiamo cercato, scoperto, trovato. Si, l’incontro è andato bene. Magicamente bene. 


Nessun commento:

Posta un commento