sabato 14 aprile 2012

L'Inchiostro Magico in libreria

L'inchiostro Magico è andato in scena di nuovo.
Bella situazione, la libreria, il suo spazio ideale. L'Inchiostro Magico, nasce dal libro, Gulliver, Cyrano, Don Chisciotte, La Tempesta e poi Charlot, Gianni Rodari... e farlo in libreria ha un senso quasi magico. Le storie che rappresentiamo sono nate dal libro, e nel libro ritornano.
A fine spettacolo, il pubblico cerca, guarda, trova, ritrova e prende... Cyrano, chi Gulliver, chi  Chisciotte.
Con pubblico intendo il bambino, il bambino che ha assistito allo spettacolo. Alla cassa è ovvio, ci vanno i genitori, perchè è il loro ruolo, ma è il bambino a scegliere, a chiedere... ed una cosa che mi sorprende sempre è vedere un bambino che spesso ottiene un giocattolo, facendo capricci, piangendo oppure urlando: "Voglio questo!" Mentre quasi sempre un bambino prende un libro, gli si illuminano gli occhi e guardando la mamma chiede: "Possiamo prenderlo?"

E' la prima volta che rappresentiamo questo spettacolo in libreria, e sono convinto sempre più, che leggere apre la mente, ma voglio fare un grande applauso a quei genitori che hanno portato felici i propri figli a vedere uno spettacolo in libreria, e che oggi sono stati ripagati dalla felicità dei figli. Bravi.
Niente videogiochi, niente giocattoli, oggi si gioca con la fantasia.

Per questa occasione abbiamo inserito all'interno de L'Inchiostro Magioco, una fiaba interattiva presa dal libro "Io racconto..tu ascolti..insieme giochiamo" di Helga... e vedere, dopo lo spettacolo, il libro essere preso dallo scaffale, arrivare al bancone della cassa, e passare in busta e uscire con una mamma sorridente, be, è bello, è magico!!!

e citando una battuta del nostro spettacolo di oggi...
Non serve una penna, ne una magia,
L'Inchiostro Magico è la tua fantasia!

Grazie a Barbara e Alessandro, della Libreria Risvolti che ci hanno ospitato!
Grazie ad Alessia e Annamonica, piene di entusiasmo come sempre.
Grazie ad Helga che ha creato questo spettacolo insieme a me.

Fabio




Nessun commento:

Posta un commento